Antonio Piazzolla
By Antonio Piazzolla

L’Italia andrà sulla Luna, firmato accordo con la NASA

L'Italia diventa il primo Paese europeo a firmare un accordo bilaterale sull'esplorazione lunare con gli Stati Uniti. Cristoforetti e Parmitano i più quotati

E’ stato firmato un accordo fra Italia e Stati Uniti, nell’ambito del programma Artemis della NASA, per l’esplorazione della Luna. Una dichiarazione d’intenti firmata a Palazzo Chigi dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle politiche per lo spazio, Riccardo Fraccaro, in collegamento con l’amministratore capo della Nasa, Jim Bridenstine. L’Italia diventa così il primo Paese europeo a firmare con gli Stati Uniti un accordo bilaterale sull’esplorazione lunare.

“L’Italia ha siglato un’intesa storica con gli Stati Uniti per sancire la cooperazione nel percorso di esplorazione dello spazio che riporterà l’uomo sulla Luna e, in futuro, anche su Marte. Per noi è un grande onore, oltre che una grande opportunità, essere il primo Paese Ue a siglare quest’intesa che ci darà la possibilità di partecipare alla missione lunare e di avere un ruolo da protagonista nel più ambizioso programma di attività spaziale mai attuato. Stiamo contribuendo a scrivendo una nuova pagina nella storia dell’esplorazione dello spazio” – scrive Fraccaro sulla propria pagina Facebook.

https://it-it.facebook.com/riccardofraccaroM5S/posts/3170180853091065?tn=-R

Intesa storica che porta l’Italia sulla Luna

“La firma del Joint Statement è un riconoscimento ulteriore nei confronti del ruolo del nostro Paese all’interno della missione Artemis che porterà la prima donna sulla Luna e ha l’obiettivo di stabilire una presenza continua e autosufficiente sulla superficie lunare. Italia e Stati Uniti hanno una lunga storia di cooperazione nell’ambito spaziale ma, con questa intesa, la nostra partnership si rafforza anche in una prospettiva di lungo periodo per i progetti futuri. Questa intesa consentirà al nostro Paese di esprimere tutto il suo potenziale in termini scientifici e industriali partecipando a una missione dalle finalità quanto mai ambiziose che vanno anche oltre l’allunaggio, previsto per il 2024 – spiega ancora Fraccaro.

Come noto infatti, l’obiettivo è del programma Artemis è quello di utilizzare la Luna come base operativa per l’esplorazione dello spazio e comprende lo sviluppo delle attività per la missione che porterà l’uomo anche su Marte, “partendo da quanto già sviluppato per l’orbita bassa terrestre e per la Stazione Spaziale Internazionale, l’Italia tra le altre cose garantirà la fornitura di capacità abitative dell’equipaggio sulla Luna, potrà condurre esperimenti scientifici e fornire servizi di telecomunicazione attraverso risorse di superficie e costellazioni orbitali lunari”.

Fraccaro
Nella foto il sottosegretario Fraccaro e l’amministratore della NASA mostrano l’accordo firmato. Crediti: pagina Facebook di Riccardo Fraccaro

“Grazie al reciproco impegno di Italia e Stati Uniti l’esplorazione dello spazio compirà un nuovo, enorme passo in avanti. È un’occasione straordinaria per la nostra filiera che può vantare eccellenze uniche in tutti i settori, dal comparto della ricerca a quello industriale. Siamo stati il terzo Paese al mondo a lanciare in orbita un satellite, siamo il secondo contributore dell’Esa nel settore dell’esplorazione e uno dei leader mondiali nel campo delle attività spaziali. Con il Joint Statment firmato con gli Stati Uniti per l’Italia inizia il viaggio verso la Luna – conclude Fraccaro.

Su Twitter intanto l’amministratore della NASA, Jim Bridenstine, ha espresso il proprio entusiasmo:

Fermo-restando che i primi a tornare sulla Luna saranno gli americani, gli italiani più quotati per far parte della missione italiana sulla Luna sono indubbiamente Luca Parmitano e Samantha Cristoforetti, veterani della Stazione Spaziale Internazionale (come riportato dalla testata FanPage.it).

Nella foto, da sinistra Samantha Cristoforetti crediti: ESA/S-Corvaja; a destra Luca Parmitano, crediti: NASA/GCTC/Andrey Shelepin

2 Comments

SHARE

Write a response